Un augurio per il 2019

Vi è mai capitato? A volte, guardate una persona che voi ritenete di successo e vi chiedete come sia riuscita a realizzare i suoi obiettivi. La sua vita vi sembra più splendente, le sue storie d’amore più vivide, le sue giornate più emozionanti, i suoi sogni più intensi. Poi guardate la vostra vita e ha i toni di uno di quei film realizzati con poco genio che non prestano attenzione al bilanciamento dei colori e tutto quello che vi appare sembra grigio e spento. (Ci avete fatto caso? Ogni film ha la sua palette di colori.)
Nel “Conte di Montecristo”, Dumas parla della differenza tra l’uomo comune e i sognatori dell’impossibile. Chi sogna l’impossibile non teme l’orecchio che lo ascolta e l’occhio che lo scruta. Chi sogna l’impossibile è in grado di credere a verità che il resto del mondo giudica folli.
Quindi propongo una riflessione.
Quante volte avete rinunciato a fare qualcosa solo perché avete scelto di dare retta a qualcuno che vi ha detto che era sciocco o non serviva a niente?
Quante volte avete rinunciato a fare qualcosa perché temevate l’opinione altrui?
Quante volte avete rinunciato a fare qualcosa perché vi siete convinti, ancora prima di provare, che non avrebbe portato a niente?
L’impossibile non è solo l’impresa grandiosa di scalare una montagna o inventare il teletrasporto. È concedervi quel viaggio che vi siete sempre negati perché siete convinti di non poter trovare sette giorni per voi, è indossare quell’abito che riposa nell’armadio perché anche se vi piace vi vergognate di cosa direbbero gli altri, è scrivere quel libro che continuate a rinviare perché temete verrà male e fare fino in fondo quella dieta che continuate a sabotare, convinti sotto sotto che non servirà a niente.
Quest’anno mi sono accadute alcune tra le cose più brutte e più belle della mia vita. La lezione più importante che ho imparato è che le persone raccontano ciascuna la propria verità, ma nessuno può raccontare la vostra storia. E, se volete che sia interessante, bisogna rimboccarsi le maniche. E scrivere senza dare retta a chi ogni tanto vuole mettervi in bocca le parole. Con l’augurio che a partire da questa mezzanotte possiate avere tutti uno splendido 2019!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *